Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘ricordi’ Category

Forse, ogni tanto, bisognerebbe proprio che qualcuno dei bambini che conosciamo, stufi marci di sentirsi chiedere in continuazione “Che cosa vuoi fare da grande?”, ci prendesse in disparte e, senza tanti giri di parole, ci chiedesse: “Ma tu, piuttosto, tu, si può sapere cosa hai fatto tu da grande? Che cosa ne è stato di quel senso di infinito che ti prendeva ogni anno, alla fine della scuola, davanti alla distesa sterminata di un’intera estate? Che cosa ne hai fatto dei tuoi sogni, ma quelli veri, quelli che contano: gli specchi da attraversare, i mondi alla rovescia, i paesi delle meraviglie, i rifugi segreti, gli amici immaginari, i voli, tutte quelle cose che ti stanno dentro, e ti nutrono l’anima, e ti fanno sentire voluto bene da te… Che cosa ne hai fatto, tu, del tuo tempo?”

Lella Costa

Immagine

Read Full Post »

…nessuno deve credere di essere solo, perché in ciascuno vive il sangue di coloro che l’hanno generato, ed è una cosa che va indietro fino alla notte dei tempi.
Così siamo solo la curva di un fiume, che viene da lontano e non si fermerà dopo di noi .

 Alessandro Barrico 

Immagine

Read Full Post »

Pensavo che la tua morte,
fosso un dolore insopportabile da sopportare.
Soltanto ora  comicncio a capire,
che la tua vita è stata un Dono d’ amore
che mi ha fatto crescere.

Majiore Pizer

Immagine

Read Full Post »

Read Full Post »

Un anziano saggio cinese stava camminando per i campi innevati,
quando incontrò una donna che piangeva.
“Perché stai piangendo?” chiese.
“Perché sto pensando alla mia vita, la mia giovinezza,
la bellezza che vedevo nello specchio e l’uomo che amavo.
Dio è crudele per aver dato la capacità di ricordare.
Egli sapeva che un giorno avrei ricordato la primavera della mia vita, e avrei pianto.”
Il saggio rimase in piedi lì nella neve, guardando un punto fisso e contemplando.
Ad un certo punto, la donna smise di piangere:
“Cosa vedi laggiù?” ella chiese.
“Un campo di rose,” rispose il saggio.
“Dio è stato generoso con me perché mi ha dato la possibilità di ricordare.
Egli sapeva che d’inverno, avrei potuto sempre immaginare la primavera”.
E sorrise.
– Paulo Coelho –

Immagine

Read Full Post »

Viviamo una sola volta, ma possiamo vivere quest’unica vita in modo tale che alla fine del viaggio sentiremo di aver vissuto migliaia di vite. Quest’obiettivo è quello che dobbiamo perseguire con tutte le nostre forze.
Sergio Bambaren

Immagine

Read Full Post »

Quando non stai più con la persona con cui vorresti stare, il pensiero di lei ti entra nella testa nei momenti più impensati. All’improvviso vieni assediato da ricordi e immagini. Succede ogni volta che il presente sembra passare nella tua vita senza
degnarti nemmeno di uno sguardo, e allora finisce che vivere negli angoli e nelle pieghe di giorni passati è più bello di ciò che stai vivendo.

*** FABIO VOLO ***Immagine

Read Full Post »

La memoria è labile e capricciosa, ognuno ricorda e dimentica a suo piacimento.
Il passato è un quaderno dai molti fogli, su cui registriamo la vita con un inchiostro che cambia a seconda dello stato d’animo.
Isabel Allende

Immagine

Read Full Post »

Il segreto di un’esistenza felice e realizzata dipenda dalla direzione che si sceglie. E la chiave, figlio mio, è imboccare la tua strada, nessun’altra, solo quella che ti detta direttamente il cuore. Infatti, soltanto chi osa spingersi un po’ più in là scopre quanto può andare lontano, soltanto chi segue il proprio cammino ha la possibilità di vivere una vita basata sull’autenticità, l’amore, l’armonia.
Sergio Bambaren

Immagine

Read Full Post »

I ricordi sono come i bambini, bisogna fare piano, perchè quando si svegliano poi è difficile farli riaddormentare.

Giulia Carcasi

Immagine

Read Full Post »

Desidero che il mare mi tocchi, mi faccia respirare il mondo e i suoi perchè, mi regali un istante eterno, che porterò con me come ricordo indelebile.
Il mare è il mistero in cui mi immergo per ritrovare la mia vita. Il mare.
Stephen Littleword

Immagine

Read Full Post »

Perchè un uomo a un certo punto della propria vita, decide di mettersi in viaggio alla ricerca della serenità perduta, quel palpito irrefrenabile che fa vivere? Quando si è giovani, questi momenti sembrano lontani, tutto appare sotto una luce diversa, non pensiamo mai al domani. Poi, lentamente la vita porta a riflettere, a considerare, a non accontentarsi, a cercare; e allora arrivano le crisi, i lividi sull’anima, i rimorsi. Se la nostra vita è stata giusta, non avremo rimorsi e tutto sarà più facile, anche accettare l’inevitabile declino. Ma se è stata travagliata, attraversata da errori, indecisioni, peccati, allora tutto sarà più difficile, e il desiderio di ritrovare il sentiero della vita, disperato.

Romano Battaglia, da “Il fiume della vita

1194_524277417606659_762346173_n

Read Full Post »

I ricordi della fanciullezza sono le cose più belle della Vita.
Giorgio De Luca

Immagine

Read Full Post »

« Newer Posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: