Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘CRISTIANESIMO’

La preghiera non è accendere una candela e lasciarla bruciare davanti al Signore, sperando che il fuoco ed il fumo commuovano il Signore. 
La vera preghiera è che io diventi una candela che si consuma lentamente davanti a lui sul lavoro, tra gli amici, nel silenzio.
 Ernesto Olivero 

Immagine

Read Full Post »

Mi dispiace, piccola, ci sono delle cose che devo dirti e mi restano solo pochi momenti. Mi dispiace per tutto ciò che non potrò mai darti non ti comprerò mai un hamburgher gigante a 4 piani, niente supermega. Non ti farò mai sorridere. Volevo soltanto invecchiare insieme a te come due vecchie tartarughe che ridono contandosi le rughe insieme, al capolinea, sul lago del tuo dipinto, quello era il nostro Paradiso. Abbiamo molto da perdere: libri, pisolini, baci e litigi, o Dio… ne abbiamo avuti di straordinari dei quali ti ringrazio e grazie di ogni gesto gentile. Grazie per i nostri figli per la prima volta che li ho visti e per avermi sempre fatto sentire orgoglioso di te. Per la tua forza, per la tua dolcezza per come eri e come sei per come ho sempre desiderato toccarti, Dio eri tutta la mia vita!
E ti chiedo scusa per tutte le volte che ho fallito con te, specialmente questa.

Film: “Al di là dei sogni”

qualcosadime

Read Full Post »

Un anno passato è occasione di bilanci: quanto tempo abbiamo riservato a Dio? Quanto ai nostri egosimi?  ……. 

Un anno che è passato, quindi, non ci porta ad una realtà che finisce ma ad una realtà che si compie, è un ulteriore passo verso la meta che sta davanti a noi: una meta di speranza, una meta di felicità, perché incontreremo Dio, ragione della nostra speranza e fonte della nostra gioia.

– Papa Francesco  Te Deum – 31 dicembre 2013 –

Image

Read Full Post »

La gioia del Vangelo riempie il cuore e la vita intera di coloro che si incontrano con Gesù. Coloro che si lasciano salvare da Lui sono liberati dal peccato, dalla tristezza, dal vuoto interiore, dall’isolamento. Con Gesù Cristo sempre nasce e rinasce la gioia.

ESORTAZIONE APOSTOLICA –  EVANGELII GAUDIUM

Papa Francesco

Image 

Read Full Post »

Devo essere fedele al mio proposito ad ogni costo: voglio essere buono, sempre buono, con tutti buono. 

 Papa Giovanni XXIII 

Image

Read Full Post »

 TWEET di Papa Francesco –  23 dicembre 2013 

Il Natale spesso è una festa rumorosa: ci farà bene stare un po’ in silenzio, per sentire la voce dell’Amore.

Image

Read Full Post »

 TWEET Papa Francesco  19 dicembre 2013 

Preghiamo che Dio ci conceda la grazia di vedere un mondo in cui mai nessuno debba morire di fame.

Image

Read Full Post »

“Il Natale è il segno che Dio si è ‘schierato’ con l’uomo, con le sue miserie, ed è l’esempio che invita ogni cristiano a fare altrettanto con i più poveri, a chinarsi verso di loro per alleviarli dal loro sofferenze. Affidiamoci alla materna intercessione di Maria, Madre di Gesù e nostra, perché ci aiuti in questo Santo Natale, ormai vicino, a riconoscere nel volto del nostro prossimo, specialmente delle persone più deboli ed emarginate, l’immagine del Figlio di Dio fatto uomo. Maria ci sostenga nel nostro proposito di donare a tutti il nostro amore, la nostra bontà e la nostra generosità. In questo modo saremo un riflesso e un prolungamento della luce di Gesù, che dalla grotta di Betlemme continua ad irradiarsi nei cuori delle persone, offrendo la gioia e la pace, a cui aspiriamo dal profondo del nostro essere.” 

(Papa Francesco)

Image

Read Full Post »

♥ Papa Francesco: “Misericordia verso le anime” ♥

“Misericordia, misericordia, misericordia”. È quanto ha detto Papa Francesco ai confessori della Basilica di Santa Maggiore che ha salutato uno per uno. Lo riferisce padre Ludovico Melo. “Voi siete i confessori – ha aggiunto il Papa -quindi siate misericordiosi verso le anime. Ne hanno bisogno”.

♥ Noi e LUI ♥

Immagine

Read Full Post »

Cerchiamo Dio per trovarlo e, dopo averlo trovato, cerchiamolo ancora.
Per trovarlo bisogna cercarlo perché è nascosto;
e dopo averlo trovato bisogna cercarlo ancora, perché è immenso.

Egli sazia chi lo cerca nella misura in cui riesce a comprenderlo,
e dilata la capacità di chi lo trova .

Sant’Agostino

Immagine

Read Full Post »

♥ L’ultima notte da Papa ♥

Non era mai successo di vivere un’ultima notte da papi. Se ci pensate, abbiamo assistito alle notti di agonia, alle veglie funebri, alle commemorazioni. Stavolta, invece, c’è un papa lucido, perfettamente in grado di muoversi, agire e pensare abbia trascorso un’ultima notte nel suo appartamento con le valigie pronte per partire il giorno dopo. Possiamo immaginare la sensazione di serenità nel sapere che la scelta compiuta sta per compiersi ma i suoi pensieri può conoscerli soltanto lui stesso e, forse, il fidato segretario don Georg.

Sappiamo però che non è andato a dormire presto. Le suore adoratrici di san Marino-Montefeltro e i Papaboys hanno organizzato una fiaccolata intorno all’obelisco di piazza san Pietro alle 19. C’erano quasi tremila persone. Alle otto e mezza la gran parte di loro è andata via ma è rimasto un manipolo di una cinquantina di Papaboys e frati con tre chitarre, decisi a tutto. Hanno organizzato una piccola Giornata mondiale della Gioventù con canti e il rosario recitato.

Poco dopo le nove don Georg si è affacciato e ha ringraziato con la mano, l’ultimo saluto ad una piazza che ha deciso di non abbandonare il suo papa. I canti e le preghiere sono andati avanti fino alle 23,45 quando le luci dell’appartamento si sono spente. Benedetto XVI è andato a dormire, i giovani e i frati si sono allontanati quasi in punta di piedi per non disturbare l’ultima notte di un papa.
♥ LA STAMPA ♥ ♥ Noi e LUI ♥

Immagine

Read Full Post »

La peggiore malattia oggi
è il non sentirsi desiderati
nè amati, il sentirsi abbandonati.
Vi sono molte persone al mondo
che muoiono di fame,
ma un numero ancora maggiore
muore per mancanza d’amore.
Ognuno ha bisogno di amore.
Ognuno deve sapere
di essere desiderato, di essere amato,
e di essere importante per Dio.
Vi è fame d’amore,
e vi è fame di Dio.

Madre Teresa di Calcutta

Immagine

Read Full Post »

Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?
Improvvisamente un’immensa pesantezza è caduta su di me, e non so dove fuggire.
Non ho più voglia di vivere.
Dove sei Signore?

Trascinato senza vita, verso un deserto immobile, soltanto ombre circondano le mie frontiere.
Come posso uscirne?
Pietà di me, mio Dio…

Ignacio Larrañaga 

Immagine

Read Full Post »

In realtà, è Gesù che cercate quando sognate la felicità; è lui che vi aspetta quando niente vi soddisfa di quello che trovate; è lui la bellezza che tanto vi attrae; è lui che vi provoca con quella sete di radicalità che non vi permette di adattarvi al compromesso; è lui che vi spinge a deporre le maschere che rendono falsa la vita; è lui che vi legge nel cuore le decisioni più vere che altri vorrebbero soffocare.

GIOVANNI PAOLO II

Immagine

Read Full Post »

Nelle decisioni difficili bisogna cercare la volontà di Dio nella luce della preghiera.
La decisione del Santo Padre di rinunciare al ministero petrino è una delle più ardue che si possano immaginare.
Il Santo Padre ha dovuto pesare davanti a Dio tutti i pro e i contro di tale drammatica scelta.
Da una parte l’assoluta novità dell’evento, con la sorpresa, il dolore e lo sconcerto di una buona parte della Chiesa.
Dall’altra la consapevolezza di non avere più le forze per adempiere bene un ministero esigentissimo, , con le inevitabili ripercussioni sulla Chiesa stessa.
Il Santo Padre ha pesato davanti a Dio gli argomenti a favore e quelli contrari. Ha pregato e probabilmente ha chiesto consiglio.
Col cuore purificato da un lungo cammino spirituale ha atteso che Dio parlasse attraverso la voce della coscienza.
Quando è stato certo della volontà di Dio, ha fatto la sua scelta drammatica e coraggiosa, in umiltà e obbedienza. Il Papa sa che il comando della coscienza deve essere sempre seguito e che su questo ogni uomo sarà giudicato.
Il Santo Padre chi ha insegnato come devono essere fatte le scelte che decidono della vita. Nel medesimo tempo ha ricordato alla Chiesa che tutti siamo “servi inutili” , come Gesù ci ha ammonito.
Il Santo Padre non ha indebolito il ministero petrino, ma lo ha rafforzato con la trasparenza, la forza e la bontà che emano dalla sua persona.

Nel nostro cuore c’è ammirazione, gratitudine e amore.

Padre Livio Fanzaga

 Immagine

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: